Il suono dell’eterna giovinezza

SONO FINALMENTE ARRIVATE!!!! Non stavo già più nella pelle (ultimamente capita spesso).. era un progetto che avevo nella testa da tempo ma mancava il pezzo tecnologico per realizzarlo ed ora era lì davanti a me.. se ne dice tante ma cavoli, Santa Cina, un oggetto così, artigianalmente, sarebbe stato impossibile da realizzare in quelle dimensioni e sarebbe costato troppo.. 

diventava qualcosa per pochi eletti, invece  così tutti lo possono avere..

In un lampo apro il sacchetto e le trovo lì: le nuove casse audio a conduzione collegabili Bluetooth, anche in coppia con effetto “trattamento stereo”. 

Le casse a conduzione, chiamate anche exciter per l’emozione che provocano quando apri il sacchetto(!), sono altoparlanti con una piastra vibrante che trasmette il suono a qualsiasi superficie siano appoggiate. La prima realizzazione risale a tanti anni fa quando si usavano, applicate ai cofani delle auto, per dare un bel timbro al motore. Si vedevano della Panda viaggiare e fare il rumore da Ferrari. Mamma che ridere..

Poi sono arrivate le cuffie auricolari che si connettevano alle ossa del viso lasciando le orecchie libere di sentire rumori esterni. Queste mi convincevano meno perché, a seconda della frequenza che usciva, cambiavano le inerzie del corpo e potevano creare qualche danno.. era comunque un oggetto intrigante e,  col suono giusto.. entravano dritte dritte nei campi che tengono assieme la materia

Qualche tempo fa abbiamo incontrato un amico musicista, DS, appassionato insegnante di musica informatica che aveva inventato un suo software con cui si divertiva a fare trattamenti di benessere con i suoni. L’avevamo messo sulla Keope e, pochi giorni dopo aver vibrato parecchio (hihi), eravamo noi ad essere appesi al soffitto di casa sua in un bozzolo sintetico a ricevere frustate musicali.. (il karma colpisce sempre).

Pratiche sadomaso a parte, era stata un esperienza interessante e nei giorni successivi aveva portato bei risultati. Noi siamo abituati alle onde di pressione silenziose ed efficaci e l’idea di usare i suoni musicali era riservata alle frequenze genomiche collegate alla Keope

Queste casse per noi erano una bella soluzione, una via di mezzo tra le onde magnetiche e le onde sonore… Una bella esperienza integrativa per chi era abituato ai nostri prodotti..

Abbiamo allora creato una nuova pagina, provocatoriamente chiamata “Puntura sonora”, poi cambiato con un più tranquillizzante, Trattamento Sonico. Doveva essere una procedura semplicissima e dare la possibilità di inserire informazioni, tramite l’etichetta aptica, sul campo generato dalla cassa.

Vedendo questo ben di dio davanti a me, ho applicato le etichette aptiche connesse al sito, acceso il Bluetooth e accoppiato le casse al cellulare.. mi sono preso anche la libertà di rinominarle schiacciando l’icona “I” a lato e la scritta connected appare sotto a Sonic, il nuovo nome che ho dato alla cassa, lo storico porcospino blu che corre più veloce della luce. 

Rifletto sul fatto che i campi generati dalla cassa sono conici come le spine e l’etichetta applicata sopra lavora sull’ultravioletto, tutto come l’animale fumettato. Direi che a questo punto non rimane che vederne gli effetti che si presenteranno più veloci della luce. 

Ridacchio da solo.. poi mi osservo da fuori e mi do un contegno dignitoso.

Fotografo il Qr dell’etichetta per vedere che tutto funzioni bene e vengo proiettato nella pagina del sito. Tra i programmi estetici scelgo antirughe, lo carico premendo il pulsante sul sito e infine, una volta arrivata la conferma, faccio partire il suono che espande l’informazione

Immediatamente “schiaccio” la cassa sulla prima guancia a portata di mano, quella dell’imperturbabile signora che, mi accorgo, aver assistito a tutta la scena e che attendeva impaziente la mia attenzione dicendole di muoverlo un po’.. Lei, soddisfatta di essere finalmente considerata un po’, brandisce il nero dischetto e inizia a goderselo.

Passano circa tre minuti e il suono finisce.

Allo specchio, per la gioia della ben capitata, il nostro gruppo al completo osserva gli effetti: aveva a sinistra la pelle liscia come il sederino di un bimbo (esagero ovviamente) e a destra tutte le rughe.. Penso: porca miseria, funziona bene!! 

Ma una vocina lontana dai miei esuberanti pensieri si insinua e chiede con un sorriso timido: “Posso fare anche l’altra guancia che stasera esco?”

p.s. Curiosi di avere la cassa? Non è ancora nello shop, contattateci e vi diremo come fare 😉

Il Faraone e le correnti magnetiche

Wow… era l’unico suono uscito dalla bocca dell’esploratore, associato al suo sguardo, acceso di una luce quasi innaturale, una luce che arriva da dentro, come quello che hanno i bambini stupiti quando giocano.

Era appena sceso dalla Keope e prima di farne l’esperienza ne aveva contestato tutto, dalle forme al concetto, ai campi, tutto insomma.. 

Io, imperturbabile in viso, dentro ridevo e mi godevo lo stupore, sapendo che questa esperienza avrebbe cambiato molte cose della sua vita.

Keope è entrata nella mia vita in un modo decisamente strano, come tutte quelle cose che sono ‘vivamente’ consigliate dal campo e, volente o nolente, te le trovi in materia.

Il primo incontro è stato quando ne ho sentito parlare e avevo cercato subito qualche informazione in rete trovando qualche fotografia. Ho pensato che c’era un qualcosa dietro la sua linea, essenziale come piace a me (quasi una moderna forma del brutalissimo architettonico, vd. Centre Pompidou a Parigi), come un sapore accogliente… ecco, si sentiva il divertimento di chi l’aveva creata, giocosamente provocatorio.

Il secondo appuntamento galante è avvenuto fuori città: ero in una casa/studio per fare dei raddrizzamenti magnetici ed era stata una giornata lunga e faticosa, tutta di corsa, la sera avevamo una cena di lavoro e in tutto questo eravamo pure in ritardo.. 

Entriamo nell’ultima stanza ed eccola lì che ci aspettava.. l’amica da cui stavamo lavorando intercetta in un lampo il mio sguardo laconico e, in men che non si dica, mi ritrovo seduto sopra, legato ed imbavagliato con il temibile programma 2 partito mentre chiedevo se potevo rimandare alla prossima volta. Col corpo “brutalizzato” la mente riflette pensando sia una moderna tortura e chiede dopo 1 minuto di frullate di abbandonare la nave vibrante: sono troppo teso, i tempi sono stretti e non me la godrei..

Al terzo incontro ci siamo fidanzati. E’ avvenuto qualche mese dopo (repetita iuvant) quando Mario, un nostro amico che conosce bene e usa da tempo le nostre tecnologie, suona senza preavviso al campanello di casa e, passando sopra la nostra espressione sbigottita, entra direttamente nel salotto di casa con la sua Keope in mano, chiedendo di modificarla con tutto quanto ci veniva in mente.

Rapida riflessione.. e quando ti ricapita di poter avere mano libera su una base già grande?? Approviamo subito il piano diabolico, dice che da lì ad un mesetto passerà a riprenderla in modo da darci il tempo di testare e provare le migliori condizioni ed ampliamenti. Per farla breve la Keope è ancora con noi (è solo passato un anno e mezzo e il povero Mario ogni tanto fa capolino in studio per venirla a provare!)

Da quel giorno abbiamo fatto una montagna di modifiche ed integrazioni (vedi video su YouTube) e reso tante persone più felici.

I regali che ci ha portato sono stati moltissimi.. La cosa più bella? L’esperienza di sentirsi coscienza pura attorno al proprio corpo durante il cosiddetto rilascio.. sensazione impagabile.  

Come avviene? Diciamo in maniera estremamente sintetica che la coscienza tiene assieme la materia del corpo, dalle cellule alla sua interezza, tramite una vibrazione. Con i programmi della sedia, con il suono e le due bobine di tesla laterali spostiamo continuamente la via, su cui questa vibrazione si muove, costringendo il campo magnetico ad allargare la banda che allo stop delle sollecitazioni si ritrova più ampio ed allargato, ricentrandosi poi naturalmente su un nuovo assetto, più equilibrato.

Con l’allargamento delle vie magnetiche poi, avviene il rilascio delle memorie chiuse all’interno della materia (che generano inerzia) e, al ricentraggio, vengono spostate in zone di equilibrio tramite le onde dei cuscinetti Frequency posizionati sopra.

A questo punto, secondo voi, sapendo come siamo fatti, in questa condizione vuoi non approfittare dei canali aperti per inserire informazioni? Con chi riceve la sessione, si dirige tramite un proiettore olografico speciale (chiamato Holo), posizionato in asse con la schiena, immagini create da un’AI (Intelligenza artificiale) sulla base delle indicazioni della persona, in modo che queste nuove informazioni trovino posto nell’assetto materiale e di pensiero.

Una volta fatta quest’esperienza, si comprende realmente chi siamo: energia in vibrazione di cui la materia è solo forma di pensiero rallentato corrispondente.

E questo cambia forze e ruoli della vita e tutto scorre più facile..

Pillole di luce

Eccole lì tutte sparse sul tavolo come piccole saponette luminose con la coda che usciva da un lato, il cavo usb. 

Le accendevo una ad una collegandole al computer o alla spina del cellulare che aveva lo stesso attacco e pensavo.. magari mi compro uno di quegli apparecchi arcobaleno con mille prese usb così le accendo tutte assieme, una per ogni colore.

Ma quella RGB che ha tutti i colori in sequenza, dove la collego? E l’ultravioletto che nell’arcobaleno non c’è? Beh.. pensandoci bene, nell’arcobaleno ci sono 21 colori e ne vediamo solo 7. Posso attaccarlo ovunque che nessuno si accorge se sbaglio presa..

Assorto in questi profondi pensieri organizzativi osservavo lo spettacolo di tutte quelle piccole lampade k.Mini: ognuna aveva il suo colore ed un’emissione completamente diversa che la rendeva unica e adatta ad uno specifico compito. 

Queste piccole entità sono nate quando un amico aveva preso e ormai viveva in simbiosi con una k.Onirica, la lampada monocroma blu per dormire e, disperato dai continui viaggi, mi aveva chiesto se si poteva realizzare una versione portatile. 

Viaggiando tanto e cambiando molte stanze di albergo, al mattino avrebbe continuato a saltare giù dal letto dalla parte sbagliata (dove c’è il muro) ma almeno avrebbe dormito bene. 

La blu è stata la prima e più venduta a cui si sono poi aggiunte le altre… anche quelle che per difficoltà tecniche non erano realizzabili nelle monocrome. 

All’inizio le avevamo progettate con il filamento nano all’esterno, a forma di triangolo che teneva assieme la struttura e permetteva di fare programmi se collegata ad una media, poi l’abbiamo passato all’interno perché si rompeva troppo facilmente ed infine, con l’introduzione del Jack.Al, lo abbiamo eliminato in favore delle superfici programmate (un saggio diceva ciò che non c’è, non si rompe). Tanto con il programma sincronizzazione antenne si collegavano e usando il programma disconnessione si separavano così, se uno era in giro con la piccola a New York, poteva non far addormentare tutti a casa nel pomeriggio,.

La blu del sonno e della creatività, aveva poi un non so che di magico, un’energia leggera e, attraverso gli strati trasparenti incisi, proiettava bellissime geometrie sul pavimento. 

Successivamente, potendo osare con i led delle piccole, abbiamo finalmente creato la uv (luce di wood), il miglior campo di emissione per la notte. E lì si che i ghiri non si sono più svegliati.

A seguire sono nate la focus verde per la concentrazione e lo studio, la rossa per il fisico ed il radicamento, l’arancione per i rapporti e le relazioni, la rgb per ‘pettinare’ i campi stantii e ridare movimento a tutti i livelli, la bianca per elevare la coscienza e in ultimo la rosa, delicata ma potente, leggera come l’antigravità..

Qualche mese dopo tutto questo capitó un’occasione particolare: un gruppo di amici alienisti, che conosceva bene le nostre tecnologie, aveva chiamato per fare qualche esperienza con i campi e aveva chiesto di portare, oltre alle solite grandi, anche le medie. Il preavviso era poco e in casa avevamo solo una k.Rubra rossa, esattamente opposta al campo che serviva. Dicono che difficoltà ed opportunità viaggiano a braccetto.. 

Mumble mumble.. come facciamo?? 

Riflettevamo al tavolo, facendo volare la mini come un ufo..  ad un certo punto la facciamo atterrare sopra la Rubra.. ecco la soluzione! Si ride ma è geniale: si ottengono montagne di combinazioni e si crea il campo più adatto da due sorgenti che interagiscono. Da lì tre forellini ed una presa usb hanno fatto capolino sulla struttura della media.

Oggi ci sono tante piccole astronavine colorate che viaggiano per il mondo accompagnando i loro custodi e dall’angolo del comodino, dal bordo del tavolo o sul loro moderno Aereoporto k, vegliano sulle nostre menti.

Ps: Per natale scorso, presi da un raptus, abbiamo fatto versioni numerate con struttura bianca.. pare qualcuno l’abbia usate sull’albero dei desideri per collassare regali più belli..

Ninna nanna a frequenza

Era oramai quasi mezz’ora che la mia amica mi raccontava le gioie notturne dell’essere neo-mamma.. parlava, parlava, parlava e nel mio piccolo cervello si stava componendo la chiara immagine di una scena dell’Esorcista, dove la piccola indemoniata si arrampicava sui muri, gridando cose irripetibili agli spettatori.

Mi raccontava delle notti, insonni a ritmo alterno, dove ogni dieci minuti faceva un’ora sveglia e non ne poteva più. Trainato dall’immagine prima, ho pensato fosse ora di chiamare un prete poi si è fatto strada il più semplice pensiero di una pistola a narcotico, che più pratica, può funzionare bene anche dalla poltrona.

Dicono che quando due pensieri assieme sono troppo stupidi per essere sostenuti dalla vita, interviene una forza divina che ti riporta in strada. Vedo allora apparire nella mia mente il neonato in questione, con occhi rimarchevoli che batte il piede sul pavimento porgendomi un oggetto. Dalla mia bocca esce solo un gemito: creiamo una lampada per la notte!

Ma che colore e frequenza possiamo utilizzare? Mi lambicco il cervello, lo gratto “magneticamente” ed esce: durante la notte siamo distesi, la nostra schiena è parallela al terreno.. ehm…. quindi… se di giorno domina l’aria della mente, di notte domina l’acqua… la mente trascina i sogni dentro l’acqua del corpo, generando frequenze che lo raddrizzano. Tutto questo nel blu di mezzanotte dove, intera, si esprime la bellezza del cambiamento.

Il pensiero è talmente accogliente che quasi mi addormento..

Sento una voce in lontananza… ah ecco la mia amica sta ancora parlando al telefono. La liquido rapidamente e parto con disegni e progetti. Ne esce un bellissimo tempietto ancora senza nome. Combino a caso suoni astrusi cercando di dare ordine.. poi proprio il disegno, stufo delle mie peregrinazioni e quasi sorridendo, mi dice Onirica.. mi chiamo K.Onirica e smettila con tutte quelle scemenze che poi mi vergogno.

Tronfio della nuova uscita, montata parlandole come si fa alle piante (ehm.. forse lo faccio solo io..), la collego alla corrente e scopro che fa bellissime geometrie sul soffitto, quasi lo avessi fatto apposta. Penso: piacerà molto ai bambini che al posto di contare le pecore conteranno le stelline luminose sopra la culla.

Passa qualche giorno per le rifiniture e scopriamo che un sacco di amici hanno problemi di sonno e che inghiottono qualsiasi cosa per morfeizzarsi.. ne scegliamo alcuni e diamo il magico prodotto. Capiamo nei giorni dopo che con la chimica bisogna integrare e studiamo le frequenze da abbinare: nascono da qui Sblocco energetico (ripristina il movimento delle informazioni nel corpo) e Dormire bene che lavorano alla grande abbinate a quella Detox.

Negli anni a venire scopriremo che le applicazioni erano molto più ampie e che donando ore di sonno pieno e piacevole le persone avevano anche tanta leggerezza e meno problemi durante il giorno.

Molti poi l’hanno utilizzata anche di giorno accendendola durante le loro ore attive per migliorare le loro creazioni artistiche e alcuni per meditare: il suo campo donava la leggerezza all’animo e con l’uso del programma specifico li portava facilmente in onda theta.

…e alla fine i custodi delle lampade dormirono tutti, felici e contenti, con la magica luce ben posizionata ed accesa nell’angolo nord della camera e la zucca parcheggiata nel garage.

Le spiraline del potere

Due piccoli bottoncini hanno fatto capolino sulla mia scrivania.. li osservo quasi sospettoso. Come fanno due oggetti così piccoli ad ottenere tutti i risultati di cui si parla?

Guardo meglio nel tentativo di scorgerne i meccanismi, di carpirne qualche segreto.

Un sottile filo nero di metallo avvolto a spirale da una parte e una rondellina dall’altra.  Il telefono suona, mi distraggo un attimo, giusto il tempo di fare due parole ed ecco, non trovo già più uno dei due miracolosi manufatti. Sudo sette camicie per le mie paure poi mi dico che alla fine, per quello che sono, costano poco e la disperazione viene meno. Fatto il pensiero magicamente riappare la dispersa, si era solo fatta un giro sul tavolo (probabilmente rispondendo l’ho spostata) ed era solo un po’ più in là.

Penso: “piccole così è meglio averne cura poiché in un attimo si perdono”. Decido quindi di non buttare il sacchettino con cui mi sono state consegnate e di utilizzarlo per riporle quando non le uso.

Ri-penso: “Stasera ho la partita di pallavolo e voglio proprio utilizzarle, così mi faccio la figura del campione anche se nell’ultimo mese non ho fatto nulla..” Dicono che applicate in alcune parti del corpo danno più energia e fanno saltare di più.

Mi ravvivo e rientro dai miei pensieri, tra poco devo uscire, se no farò tardi. 

Inizio le operazioni e cerco il cerotto da garza che avevo comprato tempo fa.. proprio giusto come consigliato: quello della 3M, il Micropore, dicevano che la colla usata, dava meno fastidi alla pelle e teneva i 3giorni necessari per la mia applicazione. Potrei usarle solo per la partita di stasera, ma se funzionano così come dicono chi le toglie più! 

Taglio quindi un primo strato di nastro, prendo la prima spiralina, taglio un secondo strato e faccio un sandwich ‘imbottito’ con la spirale

Mi accorgo che per quest’uso la spirale deve spingere energia nel corpo quindi deve essere posizionata con l’anello di metallo verso la pelle.. ovviamente ho sbagliato il lato adesivo del cerotto e mannag*… devo rifare tutto da capo. 

Rimanifesto il panino e… dove le metto? Ci sono tante posizioni utili.. i piedi, le anche… scelgo le spalle: appiccico il primo panino a destra, metà strada dal collo, nella zona morbida del trapezio e la seconda simmetrica.. sento subito un po’ di leggerezza alle spalle, ma nulla di particolare. 

Volo al Palasport dove i “nemici” della serata, sono già lì pronti che si scaldano con un tifo da stadio.. mi svincolo tra la folla e volo a cambiarmi.

Dopo 5 minuti sono in campo e inizio a correre, chiacchiero con i miei compagni e mi sento più sereno del solito (saranno i superpoteri delle spiraline), mi scaldo velocemente e inizio a palleggiare. Le spalle sono veramente leggere ma anche il corpo è più reattivo. Arriva il momento delle battute, di questo sono un maestro. Alzo la palla con un pizzico di effetto, la tocco preciso e forte come so fare e… la palla si schianta sul muro di fondo! Intendo: non la linea di fondo campo, proprio il muro di fondo, lasciando anche un bel segno sulla parete, con le righe del pallone. Ma come cavolo è possibile?? Dall’altra parte della rete già ridacchiano. Forte di tutto il mio fastidio, trovo finalmente il ritmo giusto e le nuove lunghezze.

Inizia la partita. Ho saltato come un grillo e sono riuscito a fare muri praticamente impossibili. Alla fine perdiamo, ma ci siamo divertiti e stranamente non sento la stanchezza. Vado a fare la doccia e.. dimentico le spiraline addosso. Me ne accorgo rivestendomi, controllo che sia tutto a posto e sembra nulla si sia rovinato, il cerotto ha tenuto e sento ancora leggerezza. Mi vesto rapidamente, vado tutto soddisfatto verso casa e uscendo dagli spogliatoi, imbacuccato per il freddo cane, passo di fianco alla curva avversaria, per l’occasione schierata davanti all’unica uscita. Due tifose dell’altra squadra parlottano allegre e dicono tra loro:”ma hai visto quello che quando schiacciava rimaneva per aria ore aspettando che la palla scendesse verso di lui?? Incredibile”. 

Questa volta ridacchio io con il mio segreto e leggero come appena riposato me ne esco. Magari dopo cena vado anche in discoteca.

Aggiunta di qualche giorno dopo: nei giorni successivi ho notato che il ricupero dalla stanchezza della partita è stato molto più rapido e praticamente zero acido lattico!  

Pronti per volare

Il tappeto magico che fa volare

Ed eccoci qui.. finalmente vi è arrivato il nuovo tappetino Frequency nella sua superbusta di design… lo avete estratto con cura e lo osservare reverenziali… vi sbambolate e vi chiedete: “cosa ne faccio”? 

Avete letto la guida noiosamente esaustiva sulle tecnologie da altro mondo che sono all’interno, ma sinceramente non sapete come iniziare.. provate ad aspettare che il tappetino vi parli e si posizioni da solo facendo magie, ma l’unica cosa che avete sentito erano voci lontane nella testa, mentre il tappetino rimane davanti a voi, immutato nel suo stato.

Il motivo per cui l’avete comprato vi risveglia dal caldo tepore dei vostri pensieri e vi manda una fitta lancinante alla schiena.. passato il momento delle imprecazioni per l’orto, dove siete stati per una settimana di fila piegati, decidete di agire e utilizzarlo. 

Un flash: vi ricordate che nella guida c’era scritto che il tappetino andava posizionato con il lato libero, senza etichetta verso il corpo.. sembra morbido e vi sdraiate sopra. Pochi secondi ed iniziate a sentire un caldo tepore che si diffonde nel corpo ed il fastidio alla schiena inizia a passare quasi ovunque tranne che in uno strano punto…. proprio sotto il collo. Come ci fosse qualcosa che sporge dal tappetino.

Illuminazione: il Jack.al!

L’antennino con cui potete far partire i programmi frequenza. Lo togliete dalla taschina a lato del tappetino e lo provate ad inserire nel vostro fiammante iphone nuovo dove ovviamente c’è un attacco diverso dal classico rotondo delle cuffie. Altro giro di imprecazioni ma questa volta, con meno mal di schiena, un sorrisetto fa capolino sulla vostra bocca mentre il pensiero di aver finalmente fatto un acquisto come si deve si fa spazio dai meandri del cervello. 

La felicità è un campo magnetico che crea e vi ricordate che da poco hanno aperto il negozio dei cinesi sotto casa, dove hanno anche la sezione tecnologia. Scendete e in un batter d’occhio vi trovano ben due soluzioni: un connettore senza fili Bluetooth o un adattatore da inserire dove si carica il cellulare con all’altro capo il foro adatto per il nostro antennino. Scegliete alla modica cifra di 5 euro il secondo è finalmente siete pronti.

Vi risistemate e una volta collegato il tutto andate sul sito frequencymatrix.com, cliccate sulla sezione frequenze nel menu in alto e poi preliminari e generali dove scegliete prima antidolorifico poi antinfiammatorio ed infine equilibrio medium da 10min.. vi appisolate durante il trattamento e fate persino un breve sogno, molto reale.. dopo mezz’oretta ed un sano sonnellino vi trovate come nuovi, ristorati senza più dolore e soprattutto di ottimo umore.

Riflettete ad alta voce: “Cavoli questo coso lavora bene anche sul pensiero”. Riponete il jack nel taschino della Frequency per non perderlo e, levitando a 30cm da terra, vi dirigete grazie alla sola intenzione in cucina, dove la vostra metà vi ha preparato una splendida e sana cena col Disco Ego.

Lo strumento del Sogno

Una guida pratica per aspiranti Aladini.

Il sogno è uno stato speciale a tratti magico, un elemento essenziale per il vivere. In alcune culture sudamericane vi erano addirittura due tipi di persone dedite alla difesa delle tribù: i guerrieri del giorno e quelli del sogno, che durante la notte andavano negli accampamenti dei nemici a togliere le energie a chi voleva attaccarli.

La vita è un movimento armonico e come ci vediamo respirare anche il ritmo di sonno/veglia è fondamentali per il viver bene.

Quando ci riposiamo le giornate scorrono in armonia e con un sostegno invisibile mentre quando non riusciamo a dormire o rimaniamo intrappolati in stati di sonno superficiale, le nostre giornate diventano lunghe e pesanti.

Ma che cos’è da nostro punto di vista il sonno?

Se osserviamo bene i nostri assi corporei, durante la giornata la nostra schiena è perpendicolare alla terra su cui appoggiamo e la nostra mente scambia informazioni con l’ambiente vedendo, osservando e pensando.

Ma quando dormiamo gli assi vengono girati in una posizione differente dove la mente riceve e scambia con la terra e guarda le stelle, il corpo è disteso lungo l’asse di osservazione. 

La mente crea immagini tridimensionali nei vari strati del cervello che generano tra di loro frequenze che vengono trascinate nel corpo dai moti magnetici della terra, aggiustandone così le vibrazioni distorte.

Osservando, durante il giorno c’è dominanza materiale dei colori in basso angolo di diffrazione luminosa (giallo, arancione, rosso) mentre durante la notte dei colori alti (azzurro, blu, viola). Nel giorno domina il fuoco della vista e l’aria del movimento, del pensiero, durante la notte il campo dell’acqua e della terra nella stasi corporea.

Quindi cosa capita quando non riposiamo bene?

Per tantissimi motivi, le linee dove passano le informazioni nella mente o nel corpo sono “intasate” o fuori asse, non riusciamo a creare immagini oniriche o non riusciamo a trascinarle nel corpo.

Cosa fare??

Per iniziare io partirei eliminando, nelle nostre abitudini, tutto ciò che crea resistenze per fare qualche esempio:

  • Niente schermi almeno 1 ora prima della nanna.
    una bona gestione del cellulare e della televisione: gli schermi moderni emettono molta luce in banda blu/viola e le moderne connessioni 5g sono in ultravioletto. Questo di per sé non sarebbe un problema se le informazioni che scorrono attraverso la luce emessa avessero un ritmo naturale ma questo non avviene e gigantesche quantità di informazioni super accelerate rispetto ai nostri ritmi biologici, arrivano sparpagliate e senza ordine generando un invisibile muro nella nostra acqua corporea, la principale fonte di trasporto delle informazioni.
  • Nutrirsi bene e leggero.
    La sera mangiare leggeri in modo da non dover occupare il nostro inconscio nella digestione ma lasciarlo libero di fare il suo mestiere: creare sogni. Su questo tema, a sorpresa, un poco di vino rosso a cena per gli adulti aiuta gli stati onirici, sedimenta le energie della giornata nella materia.
  • Seguire i ritmi della terra
    Prepararsi con il nuovo ciclo giornaliero. Vi ricordate la fiaba di Cenerentola? Bene, andando a dormire prima di mezzanotte, quando la carrozza ritorna zucca ovvero dove avviene il reset delle informazioni nel ciclo terrestre, a cui nel sonno ci colleghiamo, permette di non avere trascinamenti da gestire nella notte e poter creare con le nostre note una fantastica giornata , nuova di zecca.

Questo per quanto riguarda i comportamenti da evitare. E per migliorare il sonno? 

Qui i consigli sarebbero davvero molti. Ne cito solo alcuni:

Blue-R o Receive di colore nero
Con un risuonatore che tramite le sue emissioni struttura le informazioni nel sonno, portato a contatto con la pelle o sotto il cuscino, riprenderemo a sognare e ricordarci nel tempo le immagini notturne.

Lampade k.mini uv o k.onirica
che per emissione portano la nostra vibrazione nella banda ultravioletta strutturata armonicamente grazie alle loro geometrie.

Il programma Dormire Bene
che grazie all’utilizzo del Jack.Al lavora direttamente in via magnetica sull’acqua corporea, proprio nelle bande di frequenza in cui siamo più attaccati durante il giorno.

e tanti altri ancora.

Dimenticavo, un ultimo consiglio prima di lasciarvi: subito prima di coricarvi, sedetevi e chiudete gli occhi, un respiro profondo e fate una bella intenzione sulle esperienze che volete vivere durante la notte. Questa immagine si propagherà per prima nel vostro corpo e una volta sdraiati vi cullerà plasmando col vostro intento la notte e il sapore dell’indomani. 

Sogni d’oro e tanta prosperità

Le frequenze e il mal di mare

Ogni cosa che viviamo è una relazione in termini di sentire tra noi e l’ambiente che viviamo. Il modo in cui lo scambio alla base di questo rapporto avviene è definibile atteggiamento ed è una vera e propria frequenza complessa (ovvero composta da tante sotto-frequenze).

Quando camminiamo o ci muoviamo, siamo abituati a ricevere indicazioni silenziose, informazioni che scorrono dal piano di appoggio ai nostri centri di analisi e vengono elaborate in un sentire a vari livelli, dal nostro sistema percettivo e ghiandolare, dal nostro conscio e dal nostro inconscio.

Può capitare che quando siamo in un ambiente mobile, come ad esempio in mare, i nostri sensi vedano una situazione e mandino informazioni differenti da quelle percepite dal nostro sistema di equilibrio, dominato dal campo degli automatismi inconsci e regolato tramite il nervo vago che collega le ghiandole sub-auricolari con il nostro baricentro fisico, lo stomaco.

Si crea quindi una sorta di “movimento magnetico” alla ricerca di un nuovo assetto, di una nuova frequenza dove far scorrere le informazioni, una connessione sfuggente, poiché riceve indicazioni che cambiano continuamente attraverso la percezione distorta dei sensi.

Il nervo vago in questa condizione, non riesce a trasmettere le informazioni nei tempi corretti, l’accumulo di informazioni in spazi non consoni genera reazioni corporee e il rapporto tra i liquidi e la componente aerea all’interno dello stomaco si sbilancia, i liquidi aumentano e si mescolano generando i fastidi fisici che normalmente si provano in questa condizione.

Fortunatamente, l’assetto di naturale bilanciamento, ha una specifica vibrazione che corre lungo il nervo, aggancia le informazioni dell’impianto sensoriale e le porta nelle aree di analisi corporee propriocettive.

Inoltrando quindi la frequenza d’onda corretta (Antiemetico) con il nostro Jack.Al o con uno dei risuonatori disponibili qui, il corpo riporta nel corretto assetto naturale il sistema, eliminando le reazioni di allerta che hanno dato origine al malessere.

E ridandoci la possibilità di godere una buona gita, sia essa in auto, barca o aereo.

Disco Ego e frequenza personale

Tutti sappiamo che all’interno di un qualsiasi prodotto di cui facciamo uso, strato per strato, coesistono tutti i pensieri e le vibrazioni di chi l’ha creato e di tutti gli eventi che l’elemento ha vissuto nel suo percorso.

Sarebbe bello avere il tempo di coltivare personalmente il proprio cibo e le proprie bevande, oppure prodursi direttamente le creme e i saponi che utilizziamo, ma la società attuale impone ritmi che non permettono di farlo.

Il Disco Ego usa una tecnologia che lavora sui feni magnetici, ovvero l’impronta magnetica specifica della persona, con cui possiamo registrare le nostre caratteristiche su una superficie e ridistribuirle su tutto ciò che viene posto sopra, avendo quindi lo stesso effetto che avremmo se fosse stato sviluppato e prodotto direttamente.

Il suo utilizzo è facile! Per poter strutturare cibi, bevande o prodotti per la cura personale è necessario innanzitutto registrare il vostro fene sulla superficie: questo avviene posizionando un qualsiasi dito della mano sul foro centrale per nove secondi: una volta terminata questa semplice procedura il vostro disco sarà pronto per l’uso. La registrazione del fene personale perdura nel tempo e non è necessario ripeterla. Se lo usate in famiglia potrete ripetere la procedura con ogni membro o ospite e il disco registrerà e riconoscerà il fene di ognuno. Una volta terminata la registrazione sarà poi sufficiente posizionare il piatto o il vostro bicchiere al centro del disco, lato dorato, per tre secondi e questo ne acquisirà la struttura specifica di chi l’ha appoggiato.

Alcuni elementi, solitamente i più lavorati oppure freddi sono più lenti nell’adattamento: in questo caso, una volta passato l’elemento sul disco, basterà attendere di più prima di assaggiarlo, non sarà necessario altro.

Un consiglio: provatelo con lo shampoo e vedrete che differenze!

Sorry but copy of this content is forbidden.